Confcommercio su PIL: è ancora crisi

Allarmante l'andamento della domanda interna. Necessaria una terapia shock di riduzione della pressione fiscale

Confcommercio su PIL: è ancora crisi

DateFormat

10 settembre 2013
177/2013

 

177/13
Roma, 10.09.13

 

 

 

Allarmante l'andamento della domanda interna.

Necessaria una terapia shock di riduzione della pressione fiscale

 

CONFCOMMERCIO SU PIL: E' ANCORA CRISI

 

 

Si certifica la gravità della crisi economica che attanaglia il paese. La variazione congiunturale del Pil è stata rivista al ribasso di un decimo rispetto alla stima preliminare, attestandosi a -0,3%: questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati sul Pil diffusi oggi dall'Istat.

 

Ad allarmare – continua la nota - è ancora l'andamento della domanda interna. La variazione reale dei consumi è del -0,4% sul trimestre precedente, quella tendenziale, molto pesante, del -3,3%. Preoccupante è la caduta ininterrotta degli investimenti che si riducono del -5,9% reale rispetto al secondo quarto del 2012.

 

Quand'anche ci fosse, nell'ultimo trimestre di quest'anno, un rafforzamento del contributo positivo della domanda estera netta – esaltato statisticamente dalla sensibile flessione delle importazioni – si tratterebbe solo di una parziale compensazione della marcata riduzione della domanda per consumi e investimenti. Per modificare le tendenze recessive – conclude l'Ufficio Studi -  non basta puntare sui modesti miglioramenti delle aspettative di famiglie e imprese registrati nei mesi estivi. È necessaria una terapia shock, basata sulla riduzione della pressione fiscale sui redditi delle famiglie e sui fattori della produzione.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca