Confcommercio su occupati e disoccupati: prospettive di crescita a rischio peggioramento

Confcommercio su occupati e disoccupati: prospettive di crescita a rischio peggioramento

DateFormat

1 febbraio 2022
21/2022

I nuovi dati sul mercato del lavoro, rivisti e aggiornati, chiariscono la portata del rallentamento economico in atto dalla fine della scorsa estate. La perdita di slancio della ripresa ha determinato la stabilizzazione dell’occupazione nell’ultimo quarto del 2021, su posizioni distanti per quasi 500mila occupati rispetto ai massimi di giugno 2018 e di oltre 800mila unità in termini di forze di lavoro rispetto a giugno 2019.

Limitando il confronto tra l’oggi e il periodo immediatamente precedente la pandemia, emerge tanto la moderata crescita del lavoro dipendente, in prevalenza a tempo determinato, quanto la perdita di 320mila occupati tra gli indipendenti, un fenomeno che non accenna a riassorbirsi e che mette in serio pericolo le prospettive di ritornare a breve sui livelli occupazionali complessivi di inizio 2020.

Una prolungata e intensa inflazione nei prossimi mesi potrebbe modificare negativamente la dinamica del mercato del lavoro, peggiorando le prospettive di crescita per il 2022. Questa la nota dell’Ufficio Studi di Confcommercio a commento ai dati Istat di oggi su occupati e disoccupati dicembre 2021.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca