Confcommercio su inflazione: nuova fase di debolezza consumi

La ripresa nel 2018 rischia di essere inferiore al 2017

24/18
Roma, 28 febbraio 2018

 

 

La dinamica dei prezzi testimonia nel complesso una nuova fase di debolezza dei consumi, confermata non solo dal profilo statico del clima di fiducia delle famiglie quanto, soprattutto, dalla riduzione della fiducia a febbraio degli imprenditori del commercio al dettaglio, sia della grande che della piccola distribuzione: questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati preliminari sull'inflazione a febbraio diffusi oggi dall'Istat.

La nuova frenata dell'inflazione – sottolinea la nota - è interamente dovuta alle componenti volatili del paniere, cioè alimentari freschi e prodotti legati alle quotazioni internazionali delle materie prime energetiche. Su base tendenziale pesa ancora il calo dell'istruzione, dovuto a provvedimenti amministrativi.

La prosecuzione di una fase di ripresa solo moderata è sintetizzata dal rallentamento del PIL mensile Confcommercio nei mesi di gennaio e febbraio. Senza un'inversione di tendenza nel 2018 - conclude l'Ufficio Studi - si potrebbe osservare una ripresa inferiore a quella registrata nel 2017, di per sé già distante dalle performance dei nostri partner internazionali.

28 febbraio 2018