Confcommercio su inflazione: preoccupa impatto su crescita e consumi

Confcommercio su inflazione: preoccupa impatto su crescita e consumi

DateFormat

5 gennaio 2022
3/2022

Il dato preliminare sull’andamento dei prezzi al consumo nel mese di dicembre, seppure atteso (la nostra stima era di +0,3% su novembre contro una realizzazione di +0,4), consolida le preoccupazioni, espresse da tempo, sull’ impatto della ripresa dell’inflazione sulla crescita nel 2022.

L’eredità lasciata dal 2021 (1,8%) e il permanere di tensioni sulle materie prime lasciano poco spazio per ipotizzare un rientro delle dinamiche dei prezzi nel breve periodo. Già a gennaio, sia per gli aumenti dei costi dei consumi obbligati come luce e gas, sia per il parziale trasferimento sui prezzi finali di pressioni sui costi che si stanno accumulando nelle filiere produttive, l’inflazione dovrebbe superare la soglia del 4%. Questa condizione inflazionistica è destinata a permanere almeno fino all’estate, con inevitabili riflessi negativi sul potere d’acquisto dei redditi delle famiglie e della loro ricchezza finanziaria detenuta in forma liquida, frenando l ripresa dei consumi. Non rassicura la parziale tenuta dell’inflazione di fondo che, seppure all’1,5%, è in costante aumento negli ultimi mesi a conferma della presenza di alcune tensioni diffuse all’interno del sistema. E’ il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca