Postacchini (Confcommercio) su green pass per attività commerciali: "Attenzione agli impatti organizzativi. chiediamo al governo un confronto urgente anche per misure di sostegno alla filiera del turismo"

Postacchini (Confcommercio) su green pass per attività commerciali: "Attenzione agli impatti organizzativi. chiediamo al governo un confronto urgente anche per misure di sostegno alla filiera del turismo"

DateFormat

6 gennaio 2022
4/2022

"Vaccini e green-pass stanno sorreggendo resistenza e ripartenza delle attività e va evitato, ad ogni costo, che pandemia e crisi economica inneschino una pericolosa emergenza sociale. Ma scelte impegnative richiedono attenta e precisa programmazione e preparazione. In riferimento alle nuove disposizioni che estendono l’obbligo di green-pass ordinario anche per l’accesso a tutte le attività commerciali, fatte salve le “eccezioni” che verranno individuate per il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona, occorrerà, dunque, contenere l’impatto organizzativo di un improprio ruolo di controllo e verifica da parte degli esercenti".

Così Enrico Postacchini, componente di Giunta di Confcommercio con incarico per Commercio e Città, sull’obbligo del green pass per le attività commerciali deciso dal Consiglio dei Ministri.

"Si ripropone, inoltre, il problema - già sperimentato nel ciclo dei provvedimenti emergenziali di sospensione o limitazione delle attività - della concreta individuazione delle 'eccezioni' e delle “esigenze essenziali e primarie” con il connesso rischio di scelte contraddittorie o discriminanti. Infine – conclude Postacchini - si rafforza la necessità e l’urgenza di misure di sostegno per le imprese colpite dalla recrudescenza della pandemia, a partire dalle imprese della filiera del turismo e dall’esigenza di un nuovo ciclo di 'cassa COVID con efficacia retroattiva dal 1 gennaio.
Al Governo, chiediamo, dunque, un confronto urgente
".

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca