Confcommercio su prezzi: si riducono i rischi di deflazione

Confcommercio su prezzi: si riducono i rischi di deflazione

DateFormat

13 marzo 2015
51/2015

51/15
Roma, 13.03.2015

 

 

CONFCOMMERCIO SU PREZZI:
SI RIDUCONO I RISCHI DI DEFLAZIONE

 E' un dato più elevato rispetto alle prime stime - la variazione congiunturale è stata dello 0,4% in luogo dello 0,3% indicato in precedenza – che segnala una riduzione dei rischi di deflazione e trova le sue ragioni in elementi che sono da ricondursi essenzialmente a fattori esogeni e stagionali. Questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio sulle rilevazioni definitive dell'inflazione di febbraio diffuse oggi dall'Istat.

L'aumento dei prezzi a febbraio è stato determinato essenzialmente dagli incrementi rilevati per gli alimentari freschi, i tabacchi (interessati da incrementi d'imposta) ed i carburanti. Allo stato attuale non sono presenti tensioni inflazionistiche derivanti dal versante della domanda. Solo nei prossimi mesi, con il pieno operare dei favorevoli impulsi esterni e una eventuale politica fiscale interna più distensiva, potrà concretizzarsi – conclude la nota - un'apprezzabile positiva ripresa economica con effetti visibili anche sulla dinamica dei prezzi al consumo.

 

 

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca