Incertezze e silenzi, Arcelor Mittal non paga i fornitori. E l'autotrasporto comincia a fermarsi

Incertezze e silenzi, Arcelor Mittal non paga i fornitori. E l'autotrasporto comincia a fermarsi

DateFormat

12 marzo 2021

Ex Ilva: tra incertezze e silenzi, l'autotrasporto comincia a fermarsi. L'allarme è di Fai-Conftrasporto, la Federazione degli Autotrasportatori Italiani, che sollevano da tempo il problema dei mancati pagamenti, e delle mancate risposte alle richieste del settore, da parte dell'azienda.

"Come preannunciato da tempo, a fronte di totale mancanza di riposte da parte di Arcelor Mittal, i fornitori annunciano che a breve non assicureranno più i servizi di trasporto indispensabili per la continuità dell’attività aziendale - spiega il presidente Fai-Conftrasporto Paolo Uggè - Da mesi infatti Arcelor Mittal non paga le imprese di autotrasporto, che non possono più attendere".

"L’incertezza che, anche a causa delle possibili sentenze amministrative, mina la prosecuzione dell’attività dell’acciaieria, non deve incidere sul sacrosanto diritto di coloro ai quali, a fronte di un servizio prestato all’azienda, deve essere riconosciuto un corrispettivo. Il lavoro va pagato e nei tempi previsti".

Di qui l'appello di Uggè al Governo perché "Batta un colpo e non si renda corresponsabile di una situazione che è ormai al limite della sopportazione".

 

INFO:
Laura Ferretto 
Addetta stampa Conftrasporto-Confcommercio
cell. 342 8584814

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca