Confcommercio su Pil: residui segnali di vitalità di famiglie e imprese

Prospettive in peggioramento per il 2019

Confcommercio su Pil: residui segnali di vitalità di famiglie e imprese

DateFormat

5 marzo 2019
37/2019

37/19
Roma, 5 marzo 2019

 

 

L'attesa revisione al rialzo (da -0,2% a -0,1%) della caduta congiunturale del PIL nell'ultimo quarto dello scorso anno evidenzia una preziosa vitalità di famiglie e imprese nel provare a contrastare, attraverso consumi e investimenti, la crescente incertezza che impatta negativamente sulle aspettative. Commercio e turismo presentano ancora un valore aggiunto moderatamente dinamico, sostenendo il processo di terziarizzazione dell'economia italiana. Questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati diffusi oggi dall'Istat.

Questi deboli segnali positivi non sono sufficienti a modificare il profilo flettente dell'attività economica così che le prospettive per il 2019 restano orientate al peggioramento, tendenza che mette in seria discussione l'equilibrio dei conti pubblici. E' auspicabile – conclude la nota - che nel prossimo DEF si proceda a tracciare un quadro evolutivo più realistico nonché a indicare dove e come reperire le risorse necessarie a disinnescare i previsti aumenti dell'Iva.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca