Confcommercio Padova propone di tassare i trasporti e-commerce - Asset Display Page

Confcommercio Padova propone di tassare i trasporti e-commerce

Per il presidente Patrizio Bertin "chi inquina deve pagare". La tassa di scopo andrebbe a colpire "una sorta di sceriffo di Nottingham che arraffa tutto desertificando il territorio", agevolando la permanenza sul mercato dei negozi di vicinato.

DateFormat

20 gennaio 2020

Una tassa di scopo ambientale sui colossi dell'e-commerce come Amazon, per abbassare le tasse ai negozi di prossimità. La proposta arriva da Ascom Confcommercio Padova, e nasce dall'osservazione quotidiana di "stormi di furgoncini impegnati a consegnare la moltitudine dei pacchi dell'e-commerce. Un numero sempre maggiore di mezzi condotti da corrieri pagati poco e trattati peggio e che, per far quadrare il magro bilancio, oltre che intasare le strade, si fermano col motore acceso ed invadono le piste ciclabili ed i marciapiedi". Le consegne non sono l'unico problema: "a cascata, poi, arrivano le tonnellate di cartoni che intasano i cassonetti o, nella peggiore delle ipotesi, che vengono abbandonati soprattutto se sono voluminosi". Per Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova, "chi inquina deve pagare"; la tassa di scopo quindi andrebbe a colpire "una sorta di sceriffo di Nottingham che arraffa tutto desertificando il territorio", agevolando la permanenza sul mercato dei negozi di vicinato.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca