Argomenti: Articolo 

Confcommercio ribadisce: "su Iva, cuneo fiscale e Irpef serve un confronto tra governo e parti sociali"

La Confederazione torna a sottolineare "l'esigenza prioritaria di disinnescare compiutamente gli aumenti Iva", di affrontare "anche il capitolo della riduzione delle componenti del cuneo che si traducono in oneri a carico delle imprese" e "la necessità di una riforma complessiva delle aliquote Irpef".

Confcommercio ribadisce, ancora una volta, "l'esigenza prioritaria di disinnescare compiutamente gli aumenti Iva previsti a legislazione vigente che si tradurrebbero in effetti economicamente recessivi e fiscalmente regressivi. Per il resto, bene l'annunciata riduzione del cuneo fiscale a vantaggio dei lavoratori, perché se ne gioveranno potere d'acquisto e domanda interna. Ma va affrontato, a vantaggio della competitività e dell'occupazione, anche il capitolo della riduzione delle componenti del cuneo che si traducono in oneri a carico delle imprese". Resta, inoltre, "la necessità di una riforma complessiva delle aliquote Irpef. Per questo Confcommercio chiede che si apra una fase di confronto intenso e strutturato tra Governo e parti sociali".

05 settembre 2019