Argomenti: Articolo 

A giugno torna a calare la fiducia di consumatori e imprese

Dopo gli incrementi registrati a maggio, peggiora il clima di fiducia sia per i consumatori (al livello più basso dal luglio 2017). sia per le imprese. Nei servizi l'indice scende da 99,3 a 98,9 mentre nel commercio al dettaglio sale da 102,7 a 104,7.

Dopo gli incrementi registrati a maggio, peggiora a giugno il clima di fiducia sia per i consumatori sia per le imprese. Per le imprese il livello destagionalizzato dei climi di fiducia di giugno è comunque di poco superiore alla media dei primi cinque mesi dell'anno, mentre per i consumatori si rileva un differenziale negativo di oltre due punti, con il clima economico ed il clima futuro in deciso peggioramento. A giugno 2019 l'Istat stima una flessione dell'indice del clima di fiducia dei consumatori da 111,6 a 109,6; anche per l'indice composito del clima di fiducia delle imprese si registra una dinamica negativa (da 100,2 a 99,3). La flessione della fiducia dei consumatori rispetto al mese precedente si caratterizza per un marcato peggioramento delle opinioni sulla situazione economica del Paese e sulle prospettive della disoccupazione. Per quanto riguarda le imprese, si osserva un miglioramento solo per il settore del commercio al dettaglio, mentre cala in modo particolarmente marcato la fiducia nel settore delle costruzioni e torna a scendere anche la fiducia del settore manifatturiero. Tutte le componenti dell'indice di fiducia dei consumatori sono in calo, seppur con intensità diverse: il clima economico e quello futuro registrano una diminuzione più marcata mentre la flessione è più contenuta per il clima personale e per quello corrente. Più in dettaglio, il clima economico passa da 125,5 a 120,9, il clima futuro diminuisce da 115,6 a 112,3, il clima personale flette da 107,4 a 105,6 e il clima corrente cala da 109,6 a 107,6. Con riferimento alle imprese, l'indice di fiducia registra una flessione nel comparto manifatturiero e, soprattutto, nelle costruzioni (l'indice cala, rispettivamente, da 101,9 a 100,8 e da 144,3 a 140,9); nei servizi l'indice registra una diminuzione più contenuta (da 99,3 a 98,9) mentre nel commercio al dettaglio sale da 102,7 a 104,7. Dopo gli incrementi registrati a maggio, peggiora a giugno il clima di fiducia sia per i consumatori sia per le imprese. Per le imprese il livello destagionalizzato dei climi di fiducia di giugno è comunque di poco superiore alla media dei primi cinque mesi dell'anno, mentre per i consumatori si rileva un differenziale negativo di oltre due punti, con il clima economico ed il clima futuro in deciso peggioramento. A giugno 2019 l'Istat stima una flessione dell'indice del clima di fiducia dei consumatori da 111,6 a 109,6; anche per l'indice composito del clima di fiducia delle imprese si registra una dinamica negativa (da 100,2 a 99,3). La flessione della fiducia dei consumatori rispetto al mese precedente si caratterizza per un marcato peggioramento delle opinioni sulla situazione economica del Paese e sulle prospettive della disoccupazione. Per quanto riguarda le imprese, si osserva un miglioramento solo per il settore del commercio al dettaglio, mentre cala in modo particolarmente marcato la fiducia nel settore delle costruzioni e torna a scendere anche la fiducia del settore manifatturiero. Tutte le componenti dell'indice di fiducia dei consumatori sono in calo, seppur con intensità diverse: il clima economico e quello futuro registrano una diminuzione più marcata mentre la flessione è più contenuta per il clima personale e per quello corrente. Più in dettaglio, il clima economico passa da 125,5 a 120,9, il clima futuro diminuisce da 115,6 a 112,3, il clima personale flette da 107,4 a 105,6 e il clima corrente cala da 109,6 a 107,6. Con riferimento alle imprese, l'indice di fiducia registra una flessione nel comparto manifatturiero e, soprattutto, nelle costruzioni (l'indice cala, rispettivamente, da 101,9 a 100,8 e da 144,3 a 140,9); nei servizi l'indice registra una diminuzione più contenuta (da 99,3 a 98,9) mentre nel commercio al dettaglio sale da 102,7 a 104,7.