Argomenti: Articolo 

Inflazione ferma a maggio

L'indice nazionale dei prezzi al consumo ha registrato una variazione nulla rispetto al mese precedente e un aumento dello 0,8% su base annua (era +1,1% ad aprile); la stima preliminare era +0,9%.

Nel mese di maggio 2019, si stima che l'indice nazionale dei prezzi al consumo registri una variazione nulla rispetto al mese precedente e aumenti dello 0,8% su base annua (era +1,1% ad aprile); la stima preliminare era +0,9%. A renderlo noto è l'Istat nella stima definitiva. La decelerazione è principalmente dovuta alla dinamica dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,8% di aprile a +1,6%), dei Beni energetici non regolamentati (da +3,7% a +2,4%) e, in misura minore, dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +1,6% a +1%). L'inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici decelerano entrambe di due decimi di punto, rispettivamente da +0,6% a +0,4% e da +0,7% a +0,5%. La variazione mensile nulla dell'indice generale è la sintesi di dinamiche opposte: da un lato la crescita dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (+1,8%) e dei Beni energetici non regolamentati (+0,8%), dall'altro il calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-0,9%) e dei Servizi relativi alle comunicazioni (-0,5%). L'inflazione decelera sia per i beni (da +0,9% a +0,8%) sia, in misura più ampia, per i servizi (da +1,3% a +0,8%); pertanto rispetto al mese di aprile il differenziale inflazionistico è nullo (da +0,4 del mese precedente). L'inflazione acquisita per il 2019 è +0,6% per l'indice generale e +0,3% per la componente di fondo. Per i Beni alimentari, per la cura della casa e della persona l'inflazione rimane al di sotto di quella generale, stabile a +0,3%, mentre per i prodotti ad alta frequenza d'acquisto la crescita dei prezzi, in lieve rallentamento da +1,1% a +1%, torna al di sopra di quella riferita all'intero paniere.

 

14 giugno 2019