Argomenti: Articolo 

Pasticcio franco-tedesco sulla digital tax

Duro giudizio del Telegraph sul minicompromesso francotedesco sulla digital tax che sembra essere stato partorito (è ovviamente solo una bozza) all'Ecofin dell'altro ieri. Ci sono ottime ragioni per essere favorevoli e altrettante per essere contrari a una webtax, ma la via di mezzo immaginata è francamente curiosa. Sarebbero colpite le attività di pubblicità online (e quindi molte delle attività di Facebook e Google), ma non le vendite e le situazioni di marketplace online (e quindi molte delle attività di Apple e Amazon).  A questo punto, più che mai appare necessario (comunque la si pensi nel merito) un intervento coerente, senza queste vistose contraddizioni.

06 dicembre 2018