Ambiente e Utilities

Ambiente e Utilities

 

Il settore svolge la funzione di analisi e di intervento nell'ambito delle politiche ambientali (gestione dei rifiuti e degli imballaggi, sistema tariffario, inquinamento idrico, acustico ed atmosferico), energetiche e dei servizi pubblici locali a rilevanza economica.

 

Intrattiene i rapporti con le istituzioni competenti di livello parlamentare, ministeriale (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dello Sviluppo Economico) e tecnico (Ispra, Osservatorio nazionale rifiuti, Albo nazionale gestori ambientali, Autorità per l'energia elettrica e il gas, Gse S.p.a, Gme S.p.a, Acquirente Unico S.p.a).

Sviluppa progetti in collaborazione con autorevoli università ed enti di ricerca volti a offrire servizi innovativi per le imprese associate sui temi della sostenibilità, della transizione ecologica ed energetica nonché sull'economia circolare.

Assicura il monitoraggio e l'analisi dei provvedimenti legislativi e amministrativi nelle materie di competenza, integrandoli con commenti e approfondimenti ed elaborando proposte normative ed emendative sulla legislazione di competenza.
 

Monitoraggio e analisi provvedimenti

Il settore segue i temi della gestione dei rifiuti e degli imballaggi, del sistema tariffario, dell'inquinamento idrico, acustico ed atmosferico nonché delle tematiche energetiche. Provvede all'informazione nei confronti delle strutture territoriali e di categoria principalmente attraverso:

  • predisposizione di dossier tematici e focus di approfondimento;
  • redazione di note informative;
  • organizzazione di gruppi di lavoro tecnici,
  • seminari;
  • formazione;
  • approfondimenti;
  • convegni di livello istituzionale.

Garantisce assistenza giuridica al sistema in merito all'interpretazione delle disposizioni legislative e regolamentari nelle materie di competenza attraverso la redazione di pareri e memorie. In particolare assiste e offre consulenza tecnica per:

  • procedure operative relative alle modalità di gestione definite dal nuovo registro di tracciabilità dei rifiuti (RENTRI);
  • normativa relativa ai rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE);
  • regolamento sostanze chimiche (REACH);
  • modalità di iscrizione e di funzionamento dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali;
  • contrattazione dei beni energetici sui mercati liberalizzati (letture delle bollette di energia elettrica e gas, confrontabilità dell'offerte);
  • progettazione e realizzazione di standard di servizi energetici (energy management, sportelli energia).
     

Proposte emendabile

Attraverso il monitoraggio e l'analisi dei provvedimenti legislativi e amministrativi nelle materie di competenza, il settore  elabora proposte normative ed emendative a tutela degli interessi delle imprese rappresentate. Elabora position paper sui provvedimenti di maggiore impatto con il coinvolgimento di tutte le componenti del sistema confederale.
 

Rapporti istituzionali

Intrattiene i rapporti con le istituzioni competenti di livello parlamentare, ministeriale (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dello Sviluppo Economico) e tecnico (Ispra, Osservatorio nazionale rifiuti, Albo nazionale gestori ambientali, Autorità per l'energia elettrica e il gas, Gse S.p.a, Gme S.p.a, Acquirente Unico S.p.a).
 

Partnership e progetti

Collabora con università (come la Sant'Anna di Pisa e la Bocconi di Milano) ed enti di ricerca (come l'Enea) al fine di offrire servizi innovativi per le imprese associate sui temi della sostenibilità, della transizione ecologica ed energetica nonché sull'economia circolare.

L'obiettivo è quello di formare, informare e assistere le imprese nella delicata transizione ecologica che caratterizza il futuro, affinché le aziende si facciano trovare pronte e sappiano cogliere tutte le opportunità offerte dai finanziamenti internazionali e nazionali e possano innovare i propri processi e servizi per rimanere competitive.
 

Rapporto Rifiuti

Il settore, ogni anno, realizza attraverso l’analisi dei dati del portale www.osservatoriotasselocali.it, un rapporto Tari che si pone l’obiettivo di monitorare con continuità l’attività dei comuni in questo ambito per "indagare" lo stato della gestione dei rifiuti urbani e fornire informazioni preziose sull'applicazione della Tariffa a livello locale e sulle categorie che rappresentiamo.

L'edizione 2020 del Rapporto riguarda un anno molto particolare segnato dall’emergenza Covid-19 e offre una fotografia chiara di quali e quante siano ancora le criticità legate a questo tributo per le imprese del terziario.

Sono stati raccolti e censiti sul portale www.osservatoriotasselocali.it i regolamenti e le delibere di tutti i comuni capoluoghi di provincia e, ove possibile, sono stati rintracciati i dati anche degli altri comuni più rappresentativi del territorio nazionale per un totale di più di 2.000 comuni a copertura di una popolazione di 42 milioni di abitanti (il 70% del totale della popolazione italiana).