Legittima difesa: lo Stato garantisca la sicurezza - Asset Display Page

Legittima difesa: lo Stato garantisca la sicurezza

Audizione in commissione Giustizia Senato, nell'ambito dell'esame dei ddl Legittima difesa, di Anna Lapini, componente di giunta Confcommercio incaricata per la Legalità e la Sicurezza. "Lo Stato sostenga chi suo malgrado è stato costretto a difendersi da solo attraverso la costituzione di un fondo che copra le spese di assistenza legale".

DateFormat

11 settembre 2018

"La criminalità è un costo vivo per le imprese: l'ufficio studi di Confcommercio ha calcolato che essa, nelle sue diverse forme, sottrae al comparto del commercio e dei pubblici esercizi circa 26 miliardi di euro". Lo dichiara Anna Lapini, componente di giunta Confcommercio incaricata per la Legalità e la Sicurezza, durante un'audizione nell'ambito dell'esame dei ddl Legittima difesa in commissione Giustizia al Senato. "L'ultima nostra rilevazione del 2017 ci dice che circa 1/3 degli imprenditori percepisce un peggioramento nei livelli di sicurezza per la propria attività rispetto all'anno precedente". "Fra i fenomeni criminali percepiti in aumento - puntualizza - il 33% degli intervistati indica rapine e furti; la quasi totalità degli imprenditori (92%) ritiene inefficaci le leggi che contrastano i fenomeni criminali ed esprime parere favorevole all'inasprimento della pena, per il 91%. 4 imprenditori su 5 ritengono che non si scontino realmente le pene per i reati commessi".  sondaggi sugli imprenditori del settore, rivela Lapini, sono svolti in maniera anonima: "La garanzia dell'anonimato consente di sondare in modo puntuale sia la percezione che il vissuto quotidiano su questi temi, il sentiment dei nostri associati". "Sicurezza e legalità - conclude - sono il prerequisito fondamentale per la crescita e lo sviluppo di un'economia moderna; la presenza di esercizi commerciali, peraltro, costituisce già di per sé un presidio di legalità del territorio". "La quasi totalità degli imprenditori, il 93%, non si è dotata di un'arma per difesa personale; tra questi, solo l'11% pensa di farlo in futuro". "Detenere un'arma - spiega - potrebbe non costituire un deterrente nei confronti di potenziali rapinatori; al contrario, la reazione armata o la resistenza delle vittime possono portare ad esiti più drammatici, come testimoniano le cronache: chi subisce una rapina non è preparato, mentre l'aggressore sta compiendo un'azione predeterminata". "La prima richiesta per la sicurezza da parte degli imprenditori - puntualizza - rimane la certezza della pena, per il 73%, ma aumenta la percentuale di coloro che chiedono maggiore tutela da parte delle forze dell'ordine (59%, rispetto al 56% del 2016). Gli imprenditori non vogliono armarsi né doversi difendere in prima persona". "Lo Stato garantisca la sicurezza, e dove questo non è successo, sostenga chi suo malgrado è stato costretto a difendersi da solo, che è rimane una vittima, con ulteriori misure concrete, ad esempio attraverso la costituzione di un fondo che copra le spese di assistenza legale. Perchè nessuno dovrebbe trovarsi a scegliere tra la propria incolumità, quella dei propri cari o dei collaboratori o dei clienti, la tutela dei propri beni e un gesto di difesa, naturale, legittimo, che potrebbe portare conseguenze drammatiche dal punto di vista morale, legale ed economico". All'audizione hanno partecipato Giuseppe Aquilino e Steven Tranquilli, rispettivamente Presidente e Direttore di Federpreziosi e Paolo Uniti, direttore della Figisc. "Federpreziosi-Confcommercio condivide pienamente la posizione della Confederazione –  ha dichiarato Giuseppe Aquilino - che sottolinea: ci siamo quasi tutti dotati di sistemi di videosorveglianza e sistemi di sicurezza, doppie porte e quant'altro: quello che ci preme è riuscire ad avere un costo più basso sulle accise delle assicurazioni che incidono in maniera enorme nelle nostre aziende, tant'è che molte non si assicurano, e questo è un grosso problema". "L'inasprirsi dei fenomeni delittuosi a danno della categoria dei gioiellieri si è accentuata negli ultimi mesi – avverte il direttore Steven Tranquilli -  soprattutto con la presenza di commando che entrano all'interno della Gdo ma anche dei negozi tradizionali, arraffando, incuranti dell'incolumità del gioielliere.  E troppo spesso i nostri gioiellieri vedono al di là della propria vetrina i malviventi, i rapinatori che, a distanza di pochissimi mesi, trovano la libertà, e vengono quasi sbeffeggiati da questi soggetti".  "Abbiamo un imbarbarimento nelle aggressioni verso i nostri associati: oltre che in banca, ormai siamo al pedinamento verso casa".  Conferma Paolo Uniti, direttore Figisc Confcommercio, la Federazione dei gestori carburante  "La riflessione politica - conclude - è quella di eliminare il problema, cioè l'appeal della stazione carburanti, che oggi, anche più della farmacia, è quella dove c'è più presenza di contanti: se andiamo a eliminare questo problema risolviamo gran parte delle criticità attuali".  Anche la federazione Italiana tavbaccai ha sollevato il problema del rimborso delle spese legali: "Riteniamo che lo Stato - ha detto il presidente Giovanni Risso - debba farsi carico di rimborsare le spese legali spettanti al difensore dell'imputato che sia stato dichiarato non punibile per aver commesso il fatto per legittima difesa". Sappiamo – ha proseguito Risso - che la questione, dal punto di vista tecnico-giuridico, introdurrebbe una novità assoluta nel nostro ordinamento, che prevede situazioni simili solo per le vittime di determinati reati, ad esempio la violenza sessuale, e non anche per chi è imputato; in questo caso, però, siamo di fronte a imputati a loro volta vittime, che per non subire un pregiudizio ulteriore si sono trovati nella condizione di non poter far altro che difendersi".

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca