Imprese e consumatori, la fiducia continua a crescere

Imprese e consumatori, la fiducia continua a crescere

Stime preliminari Istat: a gennaio il clima di fiducia dei consumatori sale per il terzo mese consecutivo (da 95,8 a 96,4), mentre quello relativo alle imprese tocca quota 98,1 rispetto al 97,3 di dicembre 2023. Confcommercio: "Segnali positivi per l'inizio del 2024". 

DateFormat

6 gennaio 2024

Prosegue anche a gennaio, anche se a livello frazionale, il miglioramento del clima di opinione degli operatori economici: l'indice relativo ai consumatori, secondo i dati preliminari Istat (link ai dati completi in pdf), aumenta infatti da quota 95,8 a 96,4, mentre l'indicatore composito del clima di fiducia delle imprese sale da 97,3 a 98,1.

Indici del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese italiane, gennaio 2014-gennaio 2024. Fonte: Istat

Per quanto concerne i consumatori, sono positive le valutazioni sulla situazione economica generale, su quella futura e su quella corrente, mentre c’è più cautela in giudizi e attese sulla situazione personale.  Più in dettaglio il clima economico e quello futuro registrano gli incrementi più consistenti (il primo passa da 99,7 a 103,1 e il secondo da 96,4 a 97,2), a ruota il clima corrente (da 95,4 a 95,8) e il clima personale che invece diminuisce da 94,4 a 93,9.

Riguardo alle imprese, l'indice aumenta in tutti e quattro i comparti economici indagati, anche se con intensità diverse: gli incrementi più marcati riguardano commercio al dettaglio e manifattura (rispettivamente da 104 a 106,6 e da 87,3 a 88,3), aumento più contenuto nei servizi e nelle costruzioni si stima un aumento più contenuto (nell’ordine da 102,4 a 102,6 e da 106,7 a 107).

Confcommercio: "Segnali positivi per l'inizio del 2024"

Commentando i dati della fiducia di consumatori e imprese, il direttore dell'Ufficio Studi, Mariano Bella, ha evidenziato che "il miglioramento del sentiment sia tra le famiglie sia tra gli imprenditori rappresenta un segnale positivo per l’inizio del 2024, anno che si configura non facile e pieno d’incognite. Il progressivo recupero della fiducia delle famiglie, alla terza variazione positiva consecutiva, evidenzia ancora attese favorevoli sul versante del mercato del lavoro. I consumatori, poi, sembrano percepire in misura più significativa il rapido rientro delle tensioni inflazionistiche, con potenziale sostegno alla tenuta della spesa". Secondo Bella. "la percezione di un possibile miglioramento della domanda nel breve periodo, è d’altra parte, alla base del recupero della fiducia delle imprese, fenomeno diffuso tra gli operatori economici dei diversi settori, salvo le importanti eccezioni della piccola distribuzione commerciale e del turismo".

 

Altre notizie e approfondimenti sono a tua disposizione nel nostro focus dedicato ai dati Istat con in più le note dell'Ufficio Studi di Confcommercio. Trovi la pagina a questo link: Focus Istat di Confcommercio.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca