Decreto carburanti, “evitare costi e oneri burocratici”

Decreto carburanti, “evitare costi e oneri burocratici”

Confcommercio in audizione davanti alla Commissione Attività Produttive della Camera. Revocato il secondo giorno di sciopero dei benzinai, Urso: "il tavolo con i gestori proseguirà fino al riordino del settore":

DateFormat

30 gennaio 2023

“Le rilevazioni sistematiche sui prezzi medi dei carburanti operate dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica hanno chiarito l’insussistenza di pratiche speculative da parte dei rivenditori all’origine dell’incremento dei prezzi dei carburanti, sperimentato ad inizio d’anno”: così Luigi Taranto, segretario generale di Confcommercio, in audizione davanti alla Commissione Attività Produttive della Camera sui contenuti del decreto legge 14 gennaio 2023 numero 5, il cosiddetto “decreto carburanti”.

“Per effetto della progressiva riduzione degli sconti sulle accise – ha proseguito Taranto - si poteva infatti prospettare, nel passaggio d’anno, un incremento del prezzo di benzina e gasolio leggermente superiore a 18 centesimi di euro per litro. I prezzi medi alla pompa diffusi dal Mase, nella prima settimana del 2023, hanno, invece, segnalato incrementi nell’ordine di 16 centesimi di euro per litro, rispetto alla settimana precedente. Al netto della tassazione, il prezzo medio dei carburanti si è quindi ridotto, in una settimana, di circa il 2%”.

“Va però affrontato - ha ricordato il segretario generale di Confcommercio - il problema di lungo corso del carico fiscale gravante sui carburanti. Come è stato evidenziato dall’Osservatorio della Commissione Europea sui prezzi dei carburanti, il contributo del prelievo fiscale sul prezzo del gasolio in Italia è il più alto tra i Paesi dell’Unione, mentre quello sul prezzo della benzina è superato soltanto dal dato della Finlandia. Così se i prezzi al netto della tassazione di entrambi i prodotti sono, in Italia, inferiori ai valori medi europei, dopo la tassazione essi superano tali valori medi”.

“Quanto alle nuove disposizioni circa l’adeguamento della cartellonistica di pubblicizzazione dei prezzi presso i punti vendita – ha ancora osservato Taranto - non risultano utili e proporzionate rispetto all’obiettivo della diffusione di un consumo consapevole e informato, rammentato all’articolo 1, comma 5, del provvedimento in esame”.

“Al fine di non gravare le imprese proprietarie delle infrastrutture di costi e oneri burocratici, di non attribuire ai gestori degli impianti ulteriori incombenze e di offrire ai consumatori un’informazione chiara e non ridondante, riteniamo, pertanto – ha infine evidenziato il segretario generale di Confcommercio - che, in luogo dell’adeguamento della cartellonistica sui punti vendita, andrebbe rafforzato il potenziale informativo dell’Osservatorio del Ministero delle Imprese e del made in Italy denominato ‘Osservaprezzi Carburanti’. Tale strumento informativo - peraltro già accessibile su sito internet e a mezzo app – potrebbe essere potenziato, rendendovi appunto disponibile anche il dato del prezzo medio. Inoltre, si potrebbe prevedere, presso i punti vendita e in prossimità degli erogatori di carburante, l’esposizione di un QR code che rimandi alla pagina di ‘Osservaprezzi Carburanti’”.

Decreto Carburanti, le misure principali

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 14 gennaio scorso ha firmato il decreto Carburanti. Pubblicato anche in Gazzetta Ufficiale, il decreto è entrato in vigore dal 15 gennaio 2023. Ecco le misure principali punto per punto:

  • Cartelloni con prezzi: i gestori dovranno esporre il prezzo medio su base regionale pubblicato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy. I gestori avranno 30 giorni di tempo per adeguare la cartellonistica. In caso di violazione, sono previste multe da 500 fino a 6mila euro, con possibilità di chiusura dell'impianto da 7 a 90 giorni dopo la terza inottemperanza; 
  • Bonus benzina di 200 euro: arriva la proroga anche per l'anno in corso del Bonus benzina, noto anche come Bonus carburanti. I voucher o altri titoli analoghi per l'acquisto di carburanti, sono ceduti dai datori di lavoro privati ai lavoratori dipendenti e non concorrono alla formazione del reddito;
  • Bonus trasporti fino a 60 euro: l'agevolazione per acquistare abbonamenti per servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, è stata prorogata fino al 31 dicembre 2023, entro un limite di spesa di 100 milioni di euro, per le persone con reddito fino a 20mila euro;
  • Nessun tetto ai prezzi in autostrada: l'ipotesi era circolata durante il primo passaggio del decreto in CdM, ma aveva subito suscitato dubbi di costituzionalità e di possibili violazioni delle norme per la tutela della concorrenza;
  • "Accisa mobile": il decreto ha previsto una semplificazione del meccanismo chiamato "accisa mobile", introdotto dalla Finanziaria del 2008, con la quale è stata introdotta la possibilità di ridurre, con decreto, le aliquote di accisa sui prodotti energetici utilizzati come carburanti o combustibili per il riscaldamento per usi civili. La misura ha l'obiettivo di compensare le maggiori entrate dell'imposta sul valore aggiunto che derivano dalle variazioni del prezzo internazionale (in euro) del petrolio greggio;
  • Rafforzato Mr Prezzi: il decreto ha rafforzato gli strumenti a disposizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi e ha previsto la formazione di una Commissione di allerta rapida di sorveglianza.

Revocato il secondo giorno di sciopero dei benzinai

Alla fine lo sciopero dei gestori dei distributori di carburant è durato solo 24 ore. Dopo Faib, anche Fegica Cisl e Figisc/Anisa hanno infatti revocato il secondo giorno di serrata con una nota congiunta in cui le due associazioni hanno sottolineato che la decisione è presa "a favore degli automobilisti e non certo per il governo". "Pur riconoscendo di aver potuto interloquire in maniera costruttiva con il Ministero che si è speso per diventare interlocutore propositivo, l'incontro ha confermato il persistere di molte criticità". 

"Anche quest'ultimo ennesimo tentativo - prosegue la nota - di rimediare ad una situazione ormai logora, non è riuscito ad evidenziare alcun elemento di concretezza che possa consentire anche solo di immaginare interventi sui gravissimi problemi del settore e di contenimento strutturale dei prezzi. Le proposte emendative avanzate dal Governo al suo stesso decreto non rimuovono l'intenzione manifesta di individuare i benzinai come i destinatari di adempimenti confusi, controproducenti oltreché chiaramente accusatori". 

"Appare ormai chiaro che ogni tentativo di consigliare al Governo ragionevolezza e concretezza non può o non vuole essere raccolto. Per questa ragione anche insistere nel proseguire nell'azione di sciopero, utilizzata per ottenere ascolto dal Governo, non ha più alcuna ragione di essere. Tanto più che uno degli obiettivi fondamentali, vale a dire ristabilire la verità dopo le accuse false e scomposte verso una categoria di lavoratori, è stato abbondantemente raggiunto. I cittadini italiani hanno perfettamente capito".

"È, quindi, a loro, ai cittadini che i benzinai si rivolgono, non certo al Governo, revocando il secondo giorno di sciopero già proclamato, eliminando ogni possibile ulteriore disagio, a questo punto del tutto inutile. I distributori quindi riapriranno già da questa sera. Il confronto a questo punto si sposta in Parlamento dove i benzinai hanno già avviato una serie di incontri con tutti i gruppi parlamentari perché il testo del decreto cosiddetto trasparenza raccolga in sede di conversione le necessarie modifiche", concludono le associazioni.

Urso: "il tavolo con i gestori proseguirà fino al riordino del settore"

Il ministro Urso nei giorni scorsi ha fatto sapere che il tavolo con i distributori di carburante "proseguirà in maniera continuativa fino a quando non verrà operato un completo riordino del settore. Al prossimo incontro in programma per l'8 febbraio saranno all'ordine del giorno le misure di contrasto alle illegalità contrattuali, il costo delle transazioni elettroniche e la riqualificazione e ristrutturazione della rete di distribuzione adattandola alle esigenze attuali".     

Assopetroli-Assoenergia: "il prezzo medio confonde i consumatori"

La norma sull'esposizione del prezzo medio e l'adeguamento della cartellonistica dedicata "è un unicum in tutta l'Unione europea", con effetti sul funzionamento della concorrenza e del mercato, e sulla fruibilità delle informazioni. Lo ha affermato il presidente di Assopetroli, Andrea Rossetti, in audizione sul Dl Trasparenza in commissione attività produttive della Camera, sottolineando come sui "tempi e ostacoli di natura tecnica ed economica" ci siano "nodi che vanno sciolti". In particolare, circa la fruibilità delle informazioni, secondo Assopetroli la cartellonistica oggi presente nei punti vendita stradali "è già corposa, e si riferisce a tutti i prezzi in vendita nelle stazioni di servizio, e in duplice modalità, servito e self service. Se immaginiamo di raddoppiare la comunicazione del prezzo, questa confonderà il consumatore". Quanto ai costi consistenti dell'operazione, si tratta di un ammontare che "potrebbe essere recuperato solo sui prezzi". Ulteriore punto riguarda l'impianto sanzionatorio, in particolare per la categoria del gestori, che Assopetroli definisce iniquo.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca