Protocolli, Sicurezza, Studi e Analisi

Protocolli, Sicurezza, Studi e Analisi

In questa sezione sono elencati i protocolli sottoscritti da Confcommercio, strumenti e dati per la sicurezza degli imprenditori oltre a studi e analisi.


Protocolli

Protocollo quadro d'intesa per la prevenzione e il contrasto dell'illegalità

Il 22 luglio 2021 è stato siglato dal Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli e dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale C.A. Teo Luzi un protocollo di intesa (documento pdf) per la reciproca collaborazione nello sviluppo della cultura della legalità e della sicurezza.

L’intesa prevede studi, ricerche, convegni e iniziative di formazione, finalizzati alla prevenzione delle infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale, la sensibilizzazione sui fenomeni vessatori del settore economico, la valorizzazione della tutela ambientale con particolare riferimento agli illeciti nel ciclo dei rifiuti, la salvaguardia della salute del consumatore connessa alla vendita di prodotti e dispositivi medici.

Confcommercio promuoverà la partecipazione della dirigenza politica e tecnica e degli associati, con il coinvolgimento dell’intero sistema confederativo, articolato in territoriali e categorie. L’attuazione del protocollo, avrà durata triennale e sarà affidata ad un comitato paritetico.


Protocollo videoallarme antirapina

La videosorveglianza si è rivelata uno strumento essenziale – in particolare quando le videocamere sono collegate con le centrali operative delle forze dell'ordine – per contrastare specialmente in fase investigativa, il fenomeno delle rapine. Pertanto nel luglio 2009 è stato siglato da Confcommercio un Protocollo con il Ministero dell'Interno e Confesercenti per la diffusione di sistemi di videoallarme antirapina che prevede presso gli esercizi commerciali l'installazione di videocamere in grado di inviare segnali audio e video direttamente alle sale operative delle Questure e dei Comandi dei Carabinieri. Il Protocollo è stato rinnovato il 12 novembre 2013.


Protocollo quadro per la legalità e la sicurezza delle imprese

Il 24 ottobre 2011 è stato siglato dal Presidente Carlo Sangalli Sangalli e dal Ministro dell'Interno Roberto Maroni un Protocollo quadro per la Legalità e la Sicurezza delle Imprese. La sigla del Protocollo, costituisce uno strumento di "animazione" del sistema nel quale inserire le diverse iniziative già realizzate o in cantiere.

Il Protocollo infatti è strutturato in modo da poter essere dettagliato, implementato, adattato attraverso l'adesione di componenti settoriali, territoriali e/o aziendali del sistema confederale, con l'eventuale coinvolgimento di altri soggetti, istituzionali e non, associazioni, magistratura, ecc.

In contemporanea alla sigla del Protocollo Quadro è stato siglato da Conftrasporto il primo protocollo di settore. Fra i contenuti, i principi e le iniziative già realizzate dalle realtà aderenti a Confcommercio, si citano, a puro titolo esemplificativo, la costituzione di parte civile nei processi di mafia, l'attività antiracket o antiusura; espulsione di imprenditori (condannati con sentenza definitive per reati legati alla criminalità organizzata) o la sospensione degli stessi; l'adozione di Codici Etici, come quello di Confcommercio Sicilia, che impegna i propri associati e rappresentanti a dichiarare pubblicamente di rifiutare qualsiasi forma di relazione e di collusione con la criminalità organizzata. Ma anche la realizzazione di strumenti pratici, come il vademecum antirapina, realizzato in collaborazione con le forze dell'ordine.

Fra le iniziative previste ed avviate:

  • la collaborazione coni Ministeri, le Prefetture e l'Agenzia per i beni confiscati alla mafia, le associazioni e gli enti territoriali per individuare forme di efficace gestione dei beni sottratti alla criminalità organizzata, con particolare riferimento alle aziende;
  • la collaborazione con le Forze dell'Ordine, il Ministero, le Prefetture, la magistratura, istituti di ricerca, Università o associazioni per l'individuazione di parametri/prassi/ procedure di contrasto alle infiltrazioni mafiose in settori / territori più esposti;
  • la diffusione della cultura della denuncia di fenomeni estorsivi (ma anche di corruzione, concussione, etc.);
  • l'individuazione di strumenti (questionari anonimi, sportelli, ecc.) idonei a "intercettare" fenomeni e reati che rimangono in larga parte sommersi (i numeri delle denunce per racket e usura sono assolutamente risibili) e consentire di conseguenza percorsi di reale accompagnamento degli imprenditori;
  • la promozione della cultura della legalità attraverso iniziative formative, culturali e sociali, di comunicazione (contraffazione, ambiente, ecc.).

Sicurezza

Vademecum "antirapina"

Il vademecum per la sicurezza delle imprese del commercio (documento pdf), realizzato dall'Unione di Milano in collaborazione con la Questura e il comando provinciale dei Carabinieri è stato replicato, personalizzandolo e adattandolo, anche da altre realtà territoriali del sistema Confcommercio.

È una pubblicazione – corredata di vignette – con i consigli e gli accorgimenti su come comportarsi in caso di rapina non soltanto per diminuire il rischio per i presenti all'evento (titolari, dipendenti, clienti) ma anche per consentire alle Forze dell'ordine di poter raccogliere il maggior numero di informazioni utili alla cattura dei delinquenti. In più vi sono consigli pratici per aumentare la sicurezza contro furti e taccheggi e per prevenire le frodi con carte di credito e pagamenti elettronici.


Rapporti Ossif (dati su rapine/furti)

Confcommercio partecipa dal 2010 al tavolo intersettoriale all'Ossif, Centro di Ricerca dell’ABI sulla Sicurezza Anticrimine, nel cui ambito collabora alla stesura del Rapporto Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria, contribuendo, insieme al Ministero dell'Interno, Poste Italiane, Federfarma, Assovalori, Federdistribuzione, Fit e Unione Petrolifera all'analisi del fenomeno rapine e furti nei settori esposti e all'individuazione di strumenti ed interventi di contrasto.Un capitolo del report, curato da Confcommercio è dedicato all'analisi dei fenomeni predatori nella attività commerciali.


Studi e Analisi

Confcommercio monitora costantemente ed analizza i fenomeni criminali che incidono direttamente o indirettamente sulla competitività delle imprese. attraverso sondaggi e indagini mirate, analisi ed elaborazioni del ufficio studi, convegni, ecc., con particolare attenzione all'impatto di questo fenomeno in termini di perdita di competitività delle imprese e del sistema economico nonché al sentiment degli imprenditori del settori rappresentati da Confcommercio rispetto ai diversi aspetti.

2022


2021


2020


2019


2018


2017


2016


2015


2014


2013


2011

2010

2009

2008

2007

Menù di navigazione